GEOGRAFIA DELLE LINGUE

Insegnamento
GEOGRAFIA DELLE LINGUE
Insegnamento in inglese
Geography of languages
Settore disciplinare
M-GGR/01
Corso di studi di riferimento
SCIENZA E TECNICA DELLA MEDIAZIONE LINGUISTICA
Tipo corso di studio
Laurea
Crediti
9.0
Ripartizione oraria
Ore Attività frontale: 54.0
Anno accademico
2016/2017
Anno di erogazione
2018/2019
Anno di corso
3
Lingua
ITALIANO
Percorso
PERCORSO COMUNE
Docente responsabile dell'erogazione
NICOLETTI Liberata

Descrizione dell'insegnamento

Si richiedono conoscenze di base di tipo geografico, soprattutto gli studenti devono saper affrontare le principali problematiche di tipo geografico già acquisite nel percorso di istruzione secondaria di 2° grado. E' auspicabile che siano in grado di descrivere e analizzare il territorio utilizzando concetti, strumenti e metodi propri della disciplina. Devono saper leggere e interpretare il linguaggio cartografico e rappresentare con carte geografiche, carte tematiche, grafici, istogrammi, quadri statistici, ecc., aspetti delle dinamiche umane in relazione al tempo e allo spazio.

Inoltre gli studenti devono essere in grado di utilizzare almeno i più comuni strumenti per la comunicazione e la gestione delle informazioni.

Il corso di Geografia delle Lingue si propone di analizzare i seguenti aspetti:

- concetto di lingua e di linguaggio;

- rapporto tra lingue e geografia;

- geografia delle lingue e geografia linguistica;

- lingua e cultura;

- lingua ed etnìa;

- classificazione e distribuzione delle lingue;

- il ruolo delle comunità etnolinguistiche nella strutturazione dello spazio;

- le lingue nel mondo: origine, diffusione e distribuzione attuale;

- le politiche linguistiche in Europa in Italia;

- le minoranze linguistiche in Europa.

 

 

Al termine del corso lo studente  acquisirà solidi elementi per l'analisi geografica dell'espressione linguistica e per l'interpretazione dei processi culturali in atto nel mondo contemporaneo che si rivelino utili per una migliore comprensione delle vicende passate, ma soprattutto degli eventi più recenti e attuali.

Acquisirà, inoltre, conoscenze della ripartizione regionale delle lingue in Europa e sarà in grado di comprendere le politiche linguistiche messe in atto nei diversi contesti regionali europei. L'approccio ai contenuti proposti dovrà stimolare un apprendimento critico e rielaborativo piuttosto che meramente nozionistico per fornire agli studenti la capacità di analizzare e confrontare territori e culture diverse attraverso gli strumenti e i metodi propri della geografia.

Oltre alle conoscenze prettamente geografiche, lo studio della Geografia delle Lingue, anche in collaborazione con altre discipline, potrà contribuire allo sviluppo di numerose abilità e consentirà l'acquisizione di competenze trasversali di tipo comportamentale e cognitivo:

-capacità di osservare, descrivere e operare confronti tra ambienti diversi;

- capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace utilizzando un apparato linguistico e concettuale appropriato;

 -capacità  di lavorare in gruppo;

- consapevolezza e rispetto  per la diversità degli individui e dell'ambiente;

- capacità di interpretare le informazioni con spirito critico;

- capacità di giudizio e valutazione

Didattica frontale integrata anche da presentazioni powerpoint a cura del docente titolare e attività seminariali svolte da studiosi di Geografia delle Lingue per l'approfondimento di specifici aspetti della disciplina.

La prova finale d'esame consiste in un colloquio che mira a valutare il raggiungimento degli obiettivi didattici.

Lo studente sarà valutato in base ai contenuti esposti e alla capacità di articolare una argomentazione utilizzando gli strumenti specifici della geografia.

19 settembre 2018;

11 ottobre 2018 (appello riservato a studenti fuori corso e laureandi della sessione autunnale);

12 dicembre 2018;

23 gennaio 2019;

7 febbraio 2019;

24 aprile 2019 (appello riservato a studenti fuori corso e laureandi della sessione estiva);

29 maggio 2019;

19 giugno 2019;

18 luglio 2019.

Oltre ai testi consigliati gli studenti  utilizzeranno il materiale didattico e cartografico che sarà messo a disposizione dal docente.

Per la prenotazione all'esame finale gli studenti utilizzeranno esclusivamente le modalità previste dal sistema VOL.

Gli esami si svolgeranno presso il Monastero degli Olivetani, stanza n. 18, alle ore 9,00 delle date indicate.

Il corso di Geografia delle Lingue illustra la ripartizione spaziale delle lingue e si concentra sulle relazioni di parentela tra le diverse lingue, ovvero sulla loro organizzazione in famiglie e sulla loro evoluzione storica. Si affronta lo studio dell'uso delle lingue e la loro suddivisione in lingue ufficiali, nazionali, internazionali e regionali. Parallelamente si esaminano i territori delle differenti lingue e l'estensione delle diverse aree linguistiche e si traccia, infine, lo scenario futuro dei fenomeni linguistici allo scopo di far prendere coscienza dei pericoli che minacciano questo inestimabile patrimonio culturale.

D.RUSSO KRAUSS, Lingue e spazi. Elementi per l'analisi geografica dell'espressione linguistica, Roma, Aracne ed., 2011

C.CENCINI, G.FORCONI, La tutela delle lingue minoritarie: il caso Europa, Bologna, Pàtron, 2011

Eventuale materiale didattico aggiuntivo sarà indicato nel corso delle lezioni

Semestre
Primo Semestre (dal 24/09/2018 al 18/01/2019)

Tipo esame
Obbligatorio

Valutazione
Orale - Voto Finale

Orario dell'insegnamento
https://easyroom.unisalento.it/Orario

Scarica scheda insegnamento (Apre una nuova finestra)