STORIA DELL'ITALIA CONTEMPORANEA B

Insegnamento
STORIA DELL'ITALIA CONTEMPORANEA B
Insegnamento in inglese
Contemporary Italian History B
Settore disciplinare
M-STO/04
Corso di studi di riferimento
LETTERE MODERNE
Tipo corso di studio
Laurea Magistrale
Crediti
6.0
Ripartizione oraria
Ore Attività Frontale: 30.0
Anno accademico
2022/2023
Anno di erogazione
Anno di corso
2
Lingua
ITALIANO
Percorso
PERCORSO COMUNE

Descrizione dell'insegnamento

Il programma dell'insegnamento è provvisorio e potrebbe subire delle modifiche
  • Conoscenza della storia dell’età contemporanea, con particolare riferimento alle questioni e alle periodizzazioni della storia d’Italia nel corso del XX secolo;
  • conoscenza delle nozioni di base della metodologia della ricerca storica.

Il corso intende approfondire la storia della Resistenza italiana, focalizzando l’attenzione su origini, protagonisti, fasi e caratteri di tale momento fondante dell’identità dell’Italia repubblicana. Uno specifico percorso di riflessione sarà dedicato alle principali interpretazioni del fenomeno resistenziale, esaminate anche alla luce dello sviluppo di tesi revisionistiche intese a sminuire sempre più il valore civile, morale e storico della lotta di liberazione partigiana.

Conoscenze e comprensione

Lo studente conoscerà:

  • i principali fattori e processi di carattere politico-istituzionale, sociale, economico, culturale, ecc, che hanno caratterizzato la storia d’Italia dal crollo del fascismo alla nascita dell’Italia repubblicana e le più accreditate interpretazioni storiografiche che ne sono scaturite, con specifico riferimento al movimento di liberazione dalle forze nazi-fasciste;
  • le regole metodologiche della ricerca storica, che saranno acquisite in maniera concreta attraverso esercizi di applicazione svolti sotto la guida della docente. Ciò consentirà agli studenti di condurre con rigore metodologico il processo di reperimento, analisi e sintesi delle fonti necessario a conferire attendibilità scientifica al lavoro dello storico.

Le competenze acquisite concorreranno al raggiungimento degli obiettivi formativi del Corso di Laurea Magistrale in Lettere Moderne che prevedono anche il conseguimento di una specifica preparazione e di un’autonoma capacità di ricerca nel campo delle scienze storiche.

 

Capacità di applicare conoscenze e comprensione

Lo studente saprà:

  • muoversi in termini diacronici, sincronici e comparativi tra i principali avvenimenti studiati;
  • cogliere le linee di sviluppo delle vicende storiche in rapporto al coevo dibattito delle idee;
  • riconoscere e comprendere criticamente le diverse opinioni e interpretazioni su un dato tema di ricerca storica;
  • distinguere il ruolo dei soggetti attivi e il peso di quelli passivi nei processi storici;
  • individuare le connessioni fra i quadri nazionali e lo scenario internazionale.

 

Autonomia di giudizio

Lo studente saprà:

  • individuare le forze contrapposte in campo nei diversi processi storici e valutare il loro peso e la loro persistenza;
  • cogliere le interdipendenze e le relazioni nascoste tra fatti storici;
  • interpretare correttamente le tesi interpretative e distinguere criticamente le questioni-chiave e gli elementi di prova fattuale più importanti;
  • riconoscere nelle indagini di tipo storico la scientificità contenutistica, la correttezza metodologica e l’adeguatezza di giudizio.

 

Abilità comunicative

Lo studente saprà comunicare le tematiche storiche con adeguato rigore linguistico, chiarezza espositiva e padronanza, sia in ambito divulgativo sia in ambito specialistico, del lessico storiografico (terminologia sociopolitica, giuridico-economica, ecc.).

 

Capacità di apprendimento

Lo studente acquisirà le capacità di:

  • approfondire e completare le proprie competenze attingendo con approccio criticamente consapevole e rigore metodologico al patrimonio bibliografico e archivistico della storiografia contemporaneistica;
  • gestire progetti di ricerca storiografica anche a partire da dati informativi provvisori o lacunosi;
  • valutare le implicazioni dei propri giudizi in rapporto a più ampie problematiche etiche e sociali.

L’attività didattica si svolgerà, durante la prima parte del corso, attraverso lezioni frontali mentre, nella seconda parte, mediante gruppi di lavoro che saranno impegnati, sotto la guida della docente, nella redazione di un elaborato scritto, valido ai fini dell’esame, su alcuni dei temi affrontati a lezione. I materiali e le fonti da utilizzare saranno indicati durante lo svolgimento del corso; l’elaborato dovrà essere consegnato alla docente alla fine del corso.

Gli studenti seguiranno inoltre le attività seminariali complementari (extra ordinem) di approfondimento tematico e metodologico svolte da studiosi di chiara fama e calendarizzate in base all’annuale ciclo convegnistico e seminariale programmato dai docenti di Storia contemporanea dell’Università del Salento.

L’esame è individuale, è valutato in trentesimi e si svolge in forma orale con domande aperte volte a verificare:

  • le abilità comunicative nell’esporre i contenuti del corso, che dovranno essere illustrati in modo pertinente e chiaro rispetto alle domande poste in sede d’esame, secondo prospettive d’analisi spazio-temporale storiograficamente corrette e attraverso l’uso di un linguaggio disciplinare specifico (terminologia socio-politica, giuridico-economica, ecc.);
  • le competenze acquisite in termini di conoscenza e comprensione del testo storiografico e di consapevolezza dei significati delle categorie concettuali e dei paradigmi esplicativi delle questioni affrontate;
  • l’autonomia di pensiero nell’argomentare adeguatamente di fatti storici, nell’individuazione tra essi delle interdipendenze e delle relazioni nascoste, nel commento alle tesi interpretative, nel riconoscimento delle questioni-chiave e degli elementi di prova fattuale più importanti.

Ciascuno dei tre criteri è valutato sulla base di una scala di giudizi a quattro livelli (insufficiente, sufficiente, buono, ottimo) fino ad un massimo di 10/30 per ogni criterio.

2022: 21 novembre, 19 dicembre

2023: 23 gennaio, 27 febbraio, 3 aprile, 15 maggio (straordinario), 12 giugno, 3 luglio, 7 settembre, 26 ottobre (riservato)

Insegnamento di “Storia dell’Italia contemporanea – mod. B”

Corso di Laurea Magistrale in Lettere Moderne

 

A.A. 2022-2023 – prof.ssa Elisabetta Caroppo

Semestre I
Crediti 6 - 30 ore

 

1) Presentazione e obiettivi del corso

Il corso intende approfondire la storia della Resistenza italiana, focalizzando l’attenzione su origini, protagonisti, fasi e caratteri di questo momento fondante dell’identità dell’Italia repubblicana. Uno specifico percorso di riflessione sarà dedicato alle principali interpretazioni del fenomeno resistenziale, esaminate anche alla luce dello sviluppo di tesi revisionistiche che tendono a sminuire sempre più il valore civile, morale e storico della lotta di liberazione partigiana.

 

Bibliografia

S. Peli, La Resistenza in Italia. Storia e critica, Torino, Einaudi, 2004;

N. Labanca, Prigionieri, internati, resistenti. Memorie dell’“altra Resistenza”, Roma-Bari, Laterza, 2022.

 

2) Conoscenze e abilità da acquisire

Conoscenze e comprensione

Alla fine del corso, lo studente conoscerà:

  • i principali fattori e processi di carattere politico-istituzionale, sociale, economico, culturale, ecc, che hanno caratterizzato la storia d’Italia dal crollo del fascismo alla nascita dell’Italia repubblicana e le più accreditate interpretazioni storiografiche che ne sono scaturite, con specifico riferimento al movimento di liberazione dalle forze nazi-fasciste;
  • le regole metodologiche della ricerca storica, che saranno acquisite in maniera concreta attraverso esercizi di applicazione svolti sotto la guida della docente. Ciò consentirà agli studenti di condurre con rigore metodologico il processo di reperimento, analisi e sintesi delle fonti necessario a conferire attendibilità scientifica al lavoro dello storico.

Le competenze acquisite concorreranno al raggiungimento degli obiettivi formativi del Corso di Laurea Magistrale in Lettere Moderne che prevedono anche il conseguimento di una specifica preparazione e di un’autonoma capacità di ricerca nel campo delle scienze storiche.

 

Capacità di applicare conoscenze e comprensione

Lo studente saprà:

  • muoversi in termini diacronici, sincronici e comparativi tra i principali avvenimenti studiati;
  • cogliere le linee di sviluppo delle vicende storiche in rapporto al coevo dibattito delle idee;
  • riconoscere e comprendere criticamente le diverse opinioni e interpretazioni su un dato tema di ricerca storica;
  • distinguere il ruolo dei soggetti attivi e il peso di quelli passivi nei processi storici;
  • individuare le connessioni fra i quadri nazionali e lo scenario internazionale.

 

Autonomia di giudizio

Lo studente saprà:

  • individuare le forze contrapposte in campo nei diversi processi storici e valutare il loro peso e la loro persistenza;
  • cogliere le interdipendenze e le relazioni nascoste tra fatti storici;
  • interpretare correttamente le tesi interpretative e distinguere criticamente le questioni-chiave e gli elementi di prova fattuale più importanti;
  • riconoscere nelle indagini di tipo storico la scientificità contenutistica, la correttezza metodologica e l’adeguatezza di giudizio.

 

Abilità comunicative

Lo studente saprà comunicare le tematiche storiche con adeguato rigore linguistico, chiarezza espositiva e padronanza, sia in ambito divulgativo sia in ambito specialistico, del lessico storiografico (terminologia sociopolitica, giuridico-economica, ecc.).

 

Capacità di apprendimento

Alla fine del corso, lo studente avrà acquisito le capacità di:

  • approfondire e completare le proprie competenze attingendo con approccio criticamente consapevole e rigore metodologico al patrimonio bibliografico e archivistico della storiografia contemporaneistica;
  • gestire progetti di ricerca storiografica anche a partire da dati informativi provvisori o lacunosi;

valutare le implicazioni dei propri giudizi in rapporto a più ampie problematiche etiche e sociali.

 

3) Prerequisiti

  • Conoscenza della storia dell’età contemporanea, con particolare riferimento alle questioni e alle periodizzazioni della storia d’Italia nel XX secolo;
  • conoscenza della metodologia di base della ricerca storica.

 

4) Docenti e collaboratori coinvolti nel modulo didattico

Nessuno.

 

5) Metodi didattici e modalità di esecuzione delle lezioni

L’attività didattica si svolgerà, durante la prima parte del corso, attraverso lezioni frontali mentre, nella seconda parte, mediante gruppi di lavoro che saranno impegnati, sotto la guida della docente, nella redazione di un elaborato scritto, valido ai fini dell’esame, su alcuni dei temi affrontati a lezione. I materiali e le fonti da utilizzare saranno indicati durante lo svolgimento del corso; l’elaborato dovrà essere consegnato alla docente alla fine del corso.

Gli studenti seguiranno inoltre le attività seminariali complementari (extra ordinem) di approfondimento tematico e metodologico svolte da studiosi di chiara fama e calendarizzate in base all’annuale ciclo convegnistico e seminariale programmato dai docenti di Storia contemporanea dell’Università del Salento.

 

6) Materiale didattico

Su indicazione della docente.

 

7) Modalità di valutazione degli studenti

L’esame è individuale, è valutato in trentesimi e si svolge in forma orale con domande aperte volte a verificare:

  • le abilità comunicative nell’esporre i contenuti del corso, che dovranno essere illustrati in modo pertinente e chiaro rispetto alle domande poste in sede d’esame, secondo prospettive d’analisi spazio-temporale storiograficamente corrette e attraverso l’uso di un linguaggio disciplinare specifico (terminologia socio-politica, giuridico-economica, ecc.);
  • le competenze acquisite in termini di conoscenza e comprensione del testo storiografico e di consapevolezza dei significati delle categorie concettuali e dei paradigmi esplicativi delle questioni affrontate;
  • l’autonomia di pensiero nell’argomentare adeguatamente di fatti storici, nell’individuazione tra essi delle interdipendenze e delle relazioni nascoste, nel commento alle tesi interpretative, nel riconoscimento delle questioni-chiave e degli elementi di prova fattuale più importanti.

Ciascuno dei tre criteri è valutato sulla base di una scala di giudizi a quattro livelli (insufficiente, sufficiente, buono, ottimo) fino ad un massimo di 10/30 per ogni criterio.

 

8) Possibilità di sostenere esami parziali

Non sono previste prove di verifica intermedia.

 

9) Modalità di prenotazione all’esame

Gli studenti sono tenuti a prenotarsi per l’esame finale e per la prova parziale utilizzando esclusivamente le modalità previste dal sistema VOL.

 

10) Date degli appelli

2022: 21 novembre, 19 dicembre

2023: 23 gennaio, 27 febbraio, 3 aprile, 15 maggio (straordinario), 12 giugno, 3 luglio, 7 settembre, 26 ottobre (riservato).

Gli esami si svolgeranno presso il Monastero degli Olivetani, I piano, studio n. 14.

 

11) Commissione d’esame

Proff. Elisabetta Caroppo (presidente), Michele Romano, Giuseppe Patisso, Fausto Carbone.

S. Peli, La Resistenza in Italia. Storia e critica, Torino, Einaudi, 2004;

N. Labanca, Prigionieri, internati, resistenti. Memorie dell’“altra Resistenza”, Roma-Bari, Laterza, 2022.

Semestre

Tipo esame
Non obbligatorio

Valutazione
Orale - Voto Finale

Orario dell'insegnamento
https://easyroom.unisalento.it/Orario

Scarica scheda insegnamento (Apre una nuova finestra)(Apre una nuova finestra)